More Solution | millennial
secondo un nuovo rapporto della Federal Reserve Bank of St. Louis.
I millennial nati negli anni '80 sono più a rischio di accumulare meno ricchezza durante la loro vita
2334
single,single-post,postid-2334,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,large,shadow3

BLOG

millennial

La “generazione perduta” i millennials nati negli anni ’80

23 Mag 2018, by YOUR SOLUTION in educazione finanziaria, millennial, ricchezza

La “generazione perduta” di millennials nati negli anni ’80 potrebbe non essere mai così ricca come i loro genitori

  • I millennial affrontano lotte finanziarie uniche rispetto alle generazioni precedenti.
  • I millennial nati negli anni ’80 rischiano di diventare una “generazione perduta” che accumula meno ricchezza durante la loro vita, secondo un nuovo rapporto della Federal Reserve Bank of St. Louis.
  • Diventando maggiorenne durante la Grande Recessione, questa coorte millenariaha affrontato alti tassi di disoccupazione , un aumento del costo della vita e un crescente debito .

Dal salvare più a lungo per comprare una casa per affrontare l’aumento dei costi della vita , i millennial stanno bilanciando una miriade di problemi di denaro rispetto alle generazioni precedenti .

Tutti questi ostacoli significano che sono a rischio di accumulare meno ricchezza durante la loro vita.

I millennial sono generalmente definiti come persone nate tra il 1981 e il 1996, che crescono o entrano nel mondo del lavoro durante la Grande Recessione. Ma quelli nati negli anni ’80 sono a maggior rischio di diventare una “generazione perduta” per l’accumulo di ricchezza , secondo un nuovo rapporto della Federal Reserve Bank of St. Louis.

“Non solo la loro ricchezza nel 2016 è diminuita in termini percentuali, ma la tipica famiglia degli anni ’80 ha perso terreno in termini relativi tra il 2010 e il 2016, un periodo di rapida crescita dei valori patrimoniali che ha sostenuto la ricchezza di tutte le coorti più anziane”, la relazione dice.

A partire dal 2016, le persone nate in questo decennio avevano livelli di ricchezza del 34% inferiori a quelli in cui sarebbero stati probabilmente se la crisi finanziaria non si fosse verificata, ha rilevato il rapporto. Quelli nati negli anni ’70 avevano livelli di ricchezza del 18% rispetto a dove sarebbero stati, e i livelli di ricchezza delle persone nate negli anni ’60 erano diminuiti dell’11%.

Mentre la Grande Recessione “infliggeva profonde e diffuse perdite di reddito e di ricchezza alla tipica famiglia americana”, e le perdite di ricchezza colpivano tutte le età, le famiglie più giovani dell’età della pensione soffrivano di più, secondo il rapporto.

“La recessione della fine degli anni 2000 ha creato un ostacolo in quella dinamica per i lavoratori più giovani”, ha riferito Michael S. Derby del Wall Street Journal , aggiungendo che il tasso di disoccupazione era quasi del 10% nel 2009. “Le persone della generazione degli anni ’80 hanno iniziato la loro vita lavorativa in un periodo di mercati di investimento in difficoltà, alta disoccupazione e guadagni salariali persistentemente deboli “.

E da allora hanno cercato di rimettersi in pari. La coorte degli anni ’80 fu la più lenta a riprendersi dalla Grande Recessione, secondo la Fed di St. Louis.

Mentre i millennial hanno beneficiato di un aumento del 67% delle retribuzioni dal 1970 , secondo la ricerca di Student Loan Hero, questo aumento non ha continuato a gonfiare i costi della vita. L’affitto, i prezzi delle case e le tasse universitarie sono aumentati più rapidamente dei redditi negli Stati Uniti, l’organizzazione ha trovato – e per non parlare dell’aumento dei costi per l’infanzia, l’assistenza sanitaria e l’intrattenimento.

fonte: Businessinsider

 

LEAVE A COMENT