More Solution | rigoni asiago
Rigoni Asiago, Fondo Italiano Inv. cede 35,5% a svizzeri KharisPer 39 milioni. Azienda produce marmellate, in rapida espansione
rigoni bio
2368
single,single-post,postid-2368,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,large,shadow3

BLOG

ASIAGO BIO

Rigoni Asiago, Fondo Italiano Inv. cede 35,5% a svizzeri Kharis

29 Giu 2018, by YOUR SOLUTION in Uncategorized

Rigoni Asiago, Fondo Italiano Inv. cede 35,5% a svizzeri Kharis

Per 39 milioni. Azienda produce marmellate, in rapida espansione
Rigoni Asiago, Fondo Italiano Inv. cede 35,5% a svizzeri Kharis

Roma, 27 giu. (askanews) – Neuberger Berman AIFM Limited, società di gestione del Fondo Italiano di Investimento, annuncia la cessione dell’intera quota (35,55%) detenuta dal Fondo in Rigoni di Asiago a Kharis Capital, attraverso la società di investimento dedicata KC Next Food S.c.a..

L’operazione prevede un controvalore netto pari a 39 milioni di euro. Lo rende noto un comunicato congiunto.

Fondata nel 1923, Rigoni di Asiago è una società italiana a conduzione famigliare in rapida crescita che produce e commercializza prodotti spalmabili dolci di origine biologica (marmellate, creme alla nocciola e miele) sotto i marchi di FiordiFrutta, Nocciolata e Mielbio.

L’azienda è stata un pioniere e un innovatore nel mercato europeo dei prodotti organici e ha costruito il suo successo grazie ad una incessante determinazione che l’ha portata ad offrire ai consumatori in Italia e all’estero prodotti buoni e di alta qualità.

Ciò ha consentito di creare brand destinati ai consumatori in Italia e di esportare i propri prodotti in oltre trenta paesi in tutto il mondo.

Fedele alla promessa di qualità fatta ai clienti, Rigoni di Asiago ha riconosciuto l’importanza delle materie prime di alta qualità certificate e ha deciso fin dall’inizio di creare prodotti a base di frutta e noci seguendo rigorose pratiche di agricoltura biologica.

Oggi l’azienda opera attraverso tre stabilimenti produttivi, incluso un nuovo stabilimento all’avanguardia ad Albaredo d’Adige.

Il fatturato consolidato del Gruppo è cresciuto di circa il 75% dal 2013 al 2017 confermando il successo della strategia dell’azienda e l’attrattiva esercitata dai suoi prodotti biologici sui consumatori sia in Italia che all’estero.

Francesco Sogaro, Managing Director di NB Aurora1, ha commentato: “L’investimento in Rigoni aveva le tipiche caratteristiche dell’operazione di successo sin dall’inizio, a cominciare dalla figura di Andrea Rigoni che è stato capace di sviluppare significativamente la società grazie all’introduzione di nuovi prodotti, la crescita all’estero e l’integrazione a monte nella catena del valore.

Operazioni come Rigoni esemplificano molto bene il tipo di supporto che NB Aurora può dare alle imprese partecipate: stare al fianco di imprenditori lungimiranti e di successo per accelerare la realizzazione dei loro progetti di sviluppo, anche grazie al supporto del network di NB”.

Il closing dell’operazione è previsto entro la fine del mese di luglio.

Consulenti legali dell’operazione sono stati per Neuberger Berman e per il Fondo Italiano di Investimento lo Studio Legale Lombardi Molinari e lo Studio Legale Spinazzi Azzarita Troi Genito; Banca IMI (Gruppo Intesa Sanpaolo) ha agito in qualità di advisor finanziario.

Daniel Grossmann, Managing Partner di Kharis Capital: “Conosciamo la famiglia Rigoni da molti anni e non vediamo l’ora di lavorare a stretto contatto per sviluppare ulteriormente l’azienda e continuare a soddisfare i suoi clienti in tutto il mondo.

Rigoni di Asiago contribuisce con la qualità, il gusto e la genuinità dei suoi prodotti e con i suoi valori profondamente radicati nel biologico a rendere il mondo un posto migliore, cucchiaio dopo cucchiaio”.

FONTE: ASKNEWS

LEAVE A COMENT